Pubblicato da: vditella | novembre 9, 2006

Dalla Nuova Venezia di Giovedì 9 Novembre 2006

Nessuna mediazione tra sostenitori e critici ieri nel confronto tecnico a Palazzo Chigi

Sul MoSE è muro contro muro, deciderà Prodi

Comune e ministero dell’Ambiente: «Cantieri irregolari». Comitatone entro fine mese

Cacciari consegna un dossier contro le dighe mobili, l’Ambiente minaccia il sequestro. Piva: siamo tranquilli

ALBERTO VITUCCI

Palazzo Chigi a Roma VENEZIA. Tutte le criticità del MoSE sul tavolo di Prodi. Il secondo round del confronto tecnico sulla grande opera si chiude a Palazzo Chigi con un colpo di scena. Il sindaco Massimo Cacciari ha distribuito ai ministeri un dossier del Comune con le critiche al progetto di dighe mobili. E Bruno Agricola, direttore generale dell’Ambiente, ha ribadito: «Il MoSE non ha progetto esecutivo né la Valutazione d’impatto ambientale». Ora si attende il Comitatone entro novembre. Ma il muro contro muro continua.
 I sostenitori del MoSE, Magistrato alle Acque in testa, da una parte. E i suoi critici. La delegazione del Comune, guidata da Cacciari e dall’ingegnere idraulico Luigi D’Alpaos insieme al ministero per l’Ambiente. «Soddisfatto? No, non sono soddisfatto», commenta il sindaco Cacciari, «ma è stato molto istruttivo, ho imparato molte cose di ingegneria idraulica. Un confronto fondato scientificamente. Abbiamo consegnato i nostri studi, adesso aspettiamo una risposta dalla Presidenza del Consiglio». Che ieri ha aperto al Comune, ma ha sostenuto la tesi del Magistrato alle Acque sulla regolarità delle procedure seguite per far approvare il progetto.
 «Le procedure che abbiamo seguito sono regolari», ribadisce la presidente del Magistrato Maria Giovanna Piva, «e 25 anni di studi testimoniano la bontà del nostro progetto».
 Muro contro muro, insomma. Ma tanti sono ancora i punti oscuri. Come l’eustatismo, l’aumento del livello del mare che gli scienziati ancora non sanno prevedere con esattezza. Variabile che porterebbe per 10 centimetri di differenza il numero delle chiusure in un anno da 77 a 180 nel periodo invernale. Un punto su cui il ministero dei Trasporti ha chiesto chiarezza, insieme ai rischi di manovrabilità delle grandi navi nelle conche.
 Il dossier consegnato da Cacciari, a cui ora il Magistrato alle Acque e il Consorzio Venezia Nuova dovranno rispondere per iscritto, elenca 13 «criticità strutturali» del progetto MoSE. La mancata definizione dei progetti dei connettori, la difficile manutenzione delle strutture sott’acqua, la mancata «flessibilità» del sistema. E, ancora, la mancanza del progetto esecutivo generale e del piano economico.
 Un altro dossier è stato consegnato dal direttore generale del ministero per l’Ambiente, Bruno Agricola. Nel documento si chiede la sospensione dei lavori del MoSE e si critica duramente la procedura seguita. «Le opere sono state autorizzate dalla Via regionale», ha detto Agricola, «che per legge non ha il potere di aprire i cantieri». Dunque? «Sono stati aperti cantieri in siti sensibili senza autorizzazioni», ha ribadito il dirigente. Lasciando intendere che resta aperta la strada del sequestro. «Per molto meno», ha detto, «a Rovigo è stato sequestrato il cantiere e l’isola artificiale del rigassificatore». Battaglia infine sulle procedure. Il dossier del ministero per l’Ambiente ricorda le tante carenze autorizzative del progetto MoSE. «Ma c’è una sentenza del Consiglio di Stato che ci dà ragione», ha detto la Piva, appoggiata dal consigliere Gallucci. «Ma il problema è quello che riguarda i cantieri aperti nel 2003», hanno ribadito i tecnici dell’Ambiente.
 Scontro frontale anche tra ingegneri e professori. Con un battibecco tra Andreina Zitelli (Iuav) e Bruno Cescon, presidente del Corila. «C’è un conflitto di interessi tra controllore e controllato», ha detto la Zitelli, «Cescon siede nel Corila che fa gli studi, ma anche nel Comitato tecnico di magistratura, nell’Ufficio di Piano e nella commissione di salvaguardia che hanno approvato i progetti vidimati dal Corila». Tregua di qualche giorno, e adesso lo scontro si sposta in sede politica. Se tutti restano della loro idea rimane la questione fondamentale. Potrà il governo andare avanti comunque con questo progetto, nonostante il parere contrario del sindaco e le documentate contestazioni dei suoi esperti?

Annunci

Responses

  1. Mi pare che le criticità strutturali siano tutte e solo quelle segnalate da lei, ingegner Di Tella. C’è qualche speranza per un confronto tecnico tra lei e il Consorzio Venezia Nuova?

  2. Il dossier presentato dal Comune è molto più completo e non comprende solo le criticità del MoSE che si possono evidenziare dal confronto con la Paratoia a Gravità, e quindi speriamo che questa volta ci siano delle risposte puntuali e non dilatorie e fuorvianti, e che si possa arrivare finalmente ad un confronto tecnico di merito di fronte ad una commissione di esperti nelle tecnologie che si stanno esaminando e che sia super partes.
    I tecnici che hanno espresso il parere sui progetti alternativi presentati dal Comune sono le stesse persone che hanno approvato il MoSE e che poi, cambiando cappello hanno approvato la loro relazione come Comitato tecnico di Magistratura. Lascio ai lettori il loro commento.
    Una cosa nuova però viene fuori da questa vicenda: finalmente possiamo conoscere i motivi per cui il nostro progetto è stato scartato.
    Da quanto ci è dato sapere ad oggi l’unica cosa che si può dire è: Chi ha espresso i giudizi negativi sulla Paratoia a Gravità dimostra nei fatti e in quello che scrive di non conoscere la tecnologia che è stata presentata e non solo, in qualche caso non occorre neppure essere degli esperti per capire la faziosità del giudizio espresso che cerca di negare l’evidenza. C’è da sperare solo che chi deve decidere per lo meno si legga queste amenità.
    Vincenzo Di Tella


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: