Pubblicato da: vditella | marzo 6, 2007

“Le Iene” indagano sul MoSE

Alessandro Sortino: Misteri di Venezia

La guerra dei veneziani contro o a favore del Mo.S.E.

Il programma televisivo "Le Iene", nella puntata di ieri sera 5 marzo, ha dedicato quasi 24 minuti di servizio all’indagine, tenacemente portata avanti dal giornalista Alessandro Sortino, sul MoSE di Venezia: chi lo vuole, chi lo osteggia, a che cosa serve, quali interessi si nascondono dietro e quali sono i suoi problemi.
Durante il filmato appare anche l’ingegner Vincenzo Di Tella, progettista della Paratoia a Gravità.

Vi invitiamo a rivedere il servizio direttamente dal sito delle Iene, collegandovi a questa pagina per la prima parte e a quest’altra per la seconda parte.

Annunci

Responses

  1. Il servizio ha toccato solo alcuni aspetti critici di quel progetto, ma credo che ci sia abbastanza per rendersi conto di cosa si sta facendo e di come si spendono i soldi dei contribuenti Italiani.
    Riporto il commento che ho inserito nel blog del Ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro:
    “Caro Ministro,
    Anche se avevo deciso di non intervenire più nel suo blog su questo argomento assistendo ieri sera alla trasmissione Le IENE sul MoSE, devo confessarLe che non posso esimermi dal farlo. Sono rimasto sconcertato nel vederLa nella parte del difensore d’ufficio del Concessionario unico che rappresenta la massima espressione del General Contractor che Lei in Campagna elettorale aveva definito come un meccanismo potenzialmente “criminogeno”. Nessuno Le attribuisce la paternità di una tale aberrante procedura contrattuale che Lei ha ereditato, ma da Lei mi sarei aspettato una denuncia dei danni che questo ha portato e continua a portare e che solo parzialmente sono stati messi in luce durante la trasmissione.
    E’ stato dimostrato che il MoSE non rispetta i requisiti di gradualità, sperimentalità e reversibilità imposti dalla legge speciale: questo nel privato è causa di rescissione del contratto e di richiesta di risarcimento. Le chiedo, per la sua esperienza di magistrato, è possibile che al Concessionario unico sia consentita una tale libertà operativa che gli consente di disporre delle risorse pubbliche in un regime di monopolio?
    Ricordo la sentenza della Corte dei Conti (Sezione di Controllo, Collegio IV) il 18 marzo 1997 che riferendosi al Magistrato alle Acque afferma: “E’ innegabile che in questa situazione la capacità di controllo propria del Concedente dovrebbe poter essere sviluppata in modo ottimale, laddove invece tutte le Amministrazioni pubbliche ed in particolare le articolazioni periferiche statali, evidenziano gravi lacune di ordine organizzativo e tecnico”, e riferendosi al progetto constata “gli interventi sono stati eseguiti e progettati esclusivamente dal Concessionario Unico e/o da imprese di sua fiducia (…)” e conclude che “ciò pare aver provocato una sorta di monopolio con potenziali riflessi di rischio sulla mancata, ovvero insufficiente, comparazione di tutte le soluzioni tecniche, progettuali e realizzative teoricamente prospettabili”.
    Alla luce di quello che è successo, si può constatare come questa sentenza abbia profetizzato con largo anticipo quanto si è poi, nei fatti, verificato e che Lei nell’ultimo Comitatone del novembre scorso con la sua decisione, purtroppo, ha avallato facendo riferimento ai pareri dei tecnici del suo Ministero. Su un quotidiano ci aveva promesso una risposta nel merito ai nostri quesiti da pare dei tecnici del suo Ministero che non è mai arrivata. Ad oggi devo constatare che le risposte non ci sono e che le Sue decisioni sono basate su documenti che provengono da questo sistema auto referenziale che si è creato, di fatto, attorno al Concessionario unico che ha portato a blindare il progetto MoSE e a renderlo quindi non assoggettabile a qualsiasi confronto o verifica di merito.
    La invito a riflettere e grazie per l’ospitalità

    Vincenzo Di Tella


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: